giovedì 6 settembre 2012

Il commissario Nardone




(nella foto Sergio Assisi e Ludovico Vitrano)

Inauguriamo il nostro blog con la presentazione della nuova fiction di Rai Uno, il Commissario Nardone, che andrà in onda stasera alle 21.00. I protagonisti di questa storia vera sono Sergio Assisi, nei panni di Mario Nardone, l'uomo che inventò la Squadra Mobile negli anni 60 a Milano; Luigi Di Fiore, grande attore già visto in "Un medico in Famiglia", che interpreta Corrado Muraro, il braccio destro del commissario, Spritz, altro poliziotto che porta il volto di Francesco Zecca; Ludovico Vitrano, nei panni del timido Peppino Rizzo, un grande Stefano Dionisi, alle prese con una conturbante Flò (Anna Safroncik) e uno spietato Luigi Bosso, che ha il volto di Giuseppe Soleri, noto già per essere stato Gargiulo in Ispettore Coliandro.

Grande cast e grande la regia di Fabrizio Costa, noto sul piccolo schermo per La vita che corre, La Cittadella, La Freccia Nera, e conoscitore del pubblico italiano, e alle spalle la produzione di DAP Italy dei  fratelli romani De Angelis. Le riprese si sono svolte nel 2010 in Serbia, a Belgrado, questo per ridurre i costi della produzione, ma nonostante questo avremo a che fare con una fiction che non ha lesinato sulla fotografia, sui costumi, sulla ricostruzione quasi maniacale di Milano negli studi e nelle strade serbe. Per molto tempo, a sentire De Angelis, non ci saranno più opere in costume come questa,  perché i costi ormai, con la crisi italiana, non sono più sostenibile neppure dalle grandi Case di produzione romane.


(nella foto Fabrizio Costa con Assisi e Di Fiore durante le riprese)

Il lavoro fatto sul set è stato basato sulle poche interviste rilasciate da Mario Nardone, una a Enzo Biagi, l'altra a Tiziano Marelli sull'Europeo negli anni ottanta. La personalità di Nardone viene fuori da questi piccoli pezzi di storia milanese: avellinese, preciso, votato al lavoro e alla famiglia, Nardone sbarca in una nebbiosa Milano post bellica e si trova a dover combattere il crimine organizzato, i furti, le rapine, gli omicidi efferati. Nardone, uomo quasi uscito dal ritratto di un giallista, riconosce la necessità di reinventare i metodi di indagine, e ci riesce formando una squadra di bravi poliziotti, che dovrà scontrarsi con la terribile Banda Dovunque. 

(nella foto Giorgia Surina, Francesco Zecca, Giuseppe Soleri e Giampiero Judica al RFF)

Presentato al Roma Fiction Festival nel 2010, solo adesso vede la sua uscita nel palinsesto di questa sera. Vi invitiamo a vederlo, perché si parla di un'Italia ormai dimenticata, dove c'era il rispetto tra la mala e la giustizia. In America è una seguitissima fiction con molti appassionati del genere, che seguono la storia in Tv, sul web e pure su Facebook.

Clara Bartoletti