lunedì 8 ottobre 2012

Il Commissario Nardone: vogliamo il bis!



(nella foto la locandina usata in Usa: la Squadra Mobile al completo)

Il Commissario Nardone è arrivato alla fine. Domani, martedì 9 ottobre ci lascerà definitivamente dopo sei settimane di pathos e di avventure, per lasciare il posto a chissà quale altra fiction o format televisivo. A noi manca già. Ci ha accompagnato per 6 giovedì, lasciandoci ogni volta una grande voglia di vedere cosa sarebbe successo la volta dopo, e con un grande senso di nostalgia. Erano anni che non si sentiva una tale partecipazione, di pubblico e di critica. Per 6 settimane ha vinto su tutti, sui concerti, sulle parate di "mostri" da baraccone, su fiction viste e riviste, su programmi che ci hanno annoiato, per non dire stufato. Il Commissario Nardone è stato avanti a tutti e a tutto. La Rai ha fatto centro, questa volta non ha sbagliato niente, nè sulla storia, nè sui contenuti, tanto meno sulla scelta del cast. 

Questo blog si è occupato fin dal gennaio 2010 di tutto il percorso: la scelta dei produttori di girare low cost in Serbia, creando non poche polemiche, le richieste dai casting per le comparse, il monitoraggio attivo delle bacheche degli attori e del personale tecnico per scoprire anteprime o foto dal set. Il Commissario Nardone sembrava una fiction "segreta", di cui nessuno poteva dire niente, pochissimo è trapelato per mesi , neppure a ridosso dell'uscita sul palinsesto, come se il personaggio leggendario fosse avvolto dalle nebbie della location, Milano e dintorni, dove si è ambientata la narrazione.

(nella foto Spitz e Rizzo)

Il Commissario Nardone ha sofferto, chiuso in una scatola, prima di essere trasmesso. Nessuno sapeva quando sarebbe andato in onda, mentre in America milioni di telespettatori ne apprezzavano la qualità, aumentando di giorno in giorno, affascinati dalle gesta di un uomo semplice e vero, schietto e umano interpretato da un grandioso Sergio Assisi. In America non  si sono neppure attrezzati per doppiarlo: lo hanno seguito in originale, e ritenendo giusto che i sottotitoli in inglese fossero un'aggiunta positiva e non un disturbo. Nessuno sapeva, neppure la produzione, ma noi si. Noi internauti, amanti del web e del WIFI, sapevamo anche questo, e andavamo in giro per i social network ad avvertire gli italiani della sicura apparizione della Squadra Mobile sul primo canale.

Questa fiction è stata un ritorno al passato, a quegli anni settanta in cui la famiglia si riuniva dopo il Carosello davanti alla TV, rigorosamente in bianco e nero, per seguire in assoluto silenzio le storie narrate dagli "sceneggiati", curati in ogni particolare, ricchi di costumi e di ottima recitazione, quella davvero di qualità, quella degli attori usciti dalle scuole di Strehler e  di Gassman.

(nella foto: la Squadra Mobile nell'ultima puntata girata in Piazza del Duomo a Milano)

Oggi, nel 2012, abbiamo rivisto quegli artisti. Attori di prim'ordine, non blasonati dalla notorietà sfacciata del gossip, ma quelli nati in teatro che fanno del loro talento, arte e lavoro. Ci siamo ripetuti, più volte, ricordando la maestria del regista Fabrizio Costa, e i primi piani intensi e coinvolgenti di uomini dall'apparenza induriti dal mestiere, ma con nel cuore- mai sepolte - emozioni e  lacrime. Momenti commoventi, dove finalmente abbiamo perso di vista la superficialità di certe trasmissioni orribili e insignificanti, in cui "pretedenti" o "tronisti" o "veline" si scannano per ottenere un solo minuto di visibilità. 

(nella foto: Vanessa)

Il popolo del web chiede il bis. Vuole sapere "come andrà a finire", anche se ogni racconto ha avuto un inizio e un termine. L'ultima puntata, pur chiudendo un capitolo drammatico con l'arresto dell'acerrimo nemico di Nardone, il pluriomicida Luigi Bosso, e il matrimonio del bravo agente Rizzo, ci lascia l'amaro in bocca, come se da questo momento il giovedì rimanesse orfano di qualcosa di importante. Quasi per gioco abbiamo provato a chiedere nelle bacheche di facebook se fosse il caso di chiedere una nuova serie. Il risultato è stato  innegabile: tutti vogliono Nardone. I consigli si sprecano: migliorate il dialetto, usate attori italiani, fate come volete, basta che ce lo ridiate! 

(nella foto: il Maresciallo Muraro)

"Una cosa che mi piace molto in questo sceneggiato è l'ambientazione, nel senso che ho notato e gradito molto la meticolosa cura con cui sono stati ricostruiti gli interni delle case di quegli anni, con la presenza di mobili e suppellettili (alcuni veramente molto belli), abiti, pettinature, dettagli, a tutti i livelli, dal centro alla periferia o alla campagna...dalle auto ai posacenere, dal tappeto di lusso con gli oggetti di design alla credenza e alla bacinella per l'acqua delle case più povere...insomma, gli ambienti e le persone sembrano realmente di allora e non ricostruiti o riproposti; complimenti a chi ha svolto questo compito e ha curato tali aspetti" dice un' irpina doc, come Nardone.

"Ma pensavo fosse ovvia come cosa ;))) !!!!!!!la secoda serie DEVE esserci!!!!!!!" 


" D'accordissimo con la seconda serie, anche per la figura di Nardone dei suoi uomini, un pezzo di storia della Polizia di Stato. Notevoli gli attori, bellissime interpretazioni con accuratissimi particolari storici." 

" Bravi che per la prima volta ho visto mio padre appassionato ad una serie televisiva. solitamente per lui due puntate sono già troppe. delle vostre non se ne é persa una. per cui favorevole per la seconda serie." 

"E' un prodotto talmente ben riuscito che esige una seconda serie, anche perchè mi dispiace che ora sta già finendo, perchè avrei voluto vedere altre puntate e ancora altre..."

Questi sono solo alcuni messaggi arrivati attraverso internet, che dimostrano che Nardone è piaciuto, e a Nardone bisogna dare ancora fiducia. Confidiamo nel buon senso di chi sta dietro la scrivania, e studia le programmazioni e macina dati di share ogni giorno, e chiediamo loro di leggere quello che la gente scrive. Perchè è la gente che fa la televisione, solo il pubblico conosce se stesso e sa quello che vuole. Vi invito a scrivere nei commenti sotto questo articolo la Vostra opinione. 

(nella foto: Luigi Bosso)

Un ringraziamento sentito a tutti gli attori che si sono prestati a farsi conoscere meglio dalle nostre pagine, che ci hanno parlato del loro ruolo in questa bellissima fiction:

Luigi Di Fiore (Muraro)
Giuseppe Soleri (Bosso)
Francesco Zecca (Spitz)
Samantha Michela Capitoni (Vanessa)
Ludovico Vitrano (Agente Rizzo)
Sara D'Amario (Rina Fort)
Fabrizio Costa (regista)

Clara Bartoletti





11 commenti:

  1. MORE Nardone Please for Las Vegas Nevada!!!

    RispondiElimina
  2. don't stop this series. I like this show

    RispondiElimina
  3. I enjoyed the Inspector Nardone series very much. Very high quality production and I would love to see another season.

    RispondiElimina
  4. Il Commissario Nardone is a well-written, well-acted, and well directed television series. I hope the producers will be able to create and broadcast another season of this series. If that's not possible please know that every time I watch an episode of Italian television it allows me to feel my great love and admiration fir Italy, its language, its music, its arts and its people. I think of Italy everyday. Best wishes to all. Jamie Jacks Bakersfield California. 30

    RispondiElimina
  5. I want to thank you for all the post you wrote in our blog! We hope to convince RAI TV to produce another serie!!! We will send this page to the major site of the producer, Dap italy.

    RispondiElimina
  6. Anzichè proprinarci le solite stupide manfrine in tv,concentratevi nel realizzare prodotti concreti,che coinvolgano la gente,che sappiano unire storia,cuore,emozioni,che parlino,raccontino e sappiano di VITA.Quella vera.Il commissario Nardone è una delle pochissime cose buone,se non addirittura la sola,per quanto mi riguarda,che la tv italiana è stata in grado di realizzare fino ad oggi.La gente è stufa di ritrovarsi,in quei pochi momenti di relax davanti ad una tv demenziale e priva di contenuto.Le cose belle come questa,servono ad unire,e cosa c'è di più bello di riuscire ad unire?Unire un Paese che cade a pezzi sotto da angolazione,unire le teste,unire i cuori,unire volontà.Nardone può soltanto fare bene a chi lo guarda.Se siamo uniti,se alziamo la testa davanti alle nostre volontà possiamo fare grandi cose.Il commissario Nardone e la sua squadra sono un esempio,dal quale dovremmo imparare tutti un pò qualcosa.Non posso credere di vedere ancora i soliti mangia mangia in tv e le solite vecchie storie di sempre.Abbiamo bisogno di novità.E quale novità migliore di una serie così?La seconda serie del commissario Nardone è un diritto per tutti quelli che hanno amato questa fiction.E' un diritto perchè ha unito un sacco di gente.Unito generazioni differenti.E' un diritto.Noi paghiamo?Voi DOVETE essere in grado di offrire quello che noi vogliamo!Un cast eccellente,in grado di far imedesimare la gente in quello che stava guardando.Rivogliamo questa qualità.Qualità che raramente riusciamo a realizzare in Italia,ma che quando la si raggiunge allora si che fa invidia a tutti!E poi..squadra che vince non si cambia!Perciò bis,bis,bis!

    RispondiElimina
  7. "Il Commissario Nardone" rimarrà un esempio di fiction di qualità prodotta in RAI avvalendosi di collaboratori italiani. Così si combatte la tv spazzatura, e così si educa il pubblico a pretendere qualcosa di più del semplice intrattenimento o della morbosità del gossip. Le storie basate su fatti reali e persone reali riescono a trasmetterci il coraggio, l'intelligenza e l'umanità dei protagonisti, ed anche i forti sentimenti che si creano tra loro si integrano in modo naturale nella trama avventurosa aggiungendo emozioni senza eccessi gratuiti. La professionalità di tutti gli attori è riuscita a rendere in modo eccellente tutti questi diversi aspetti, dando una grande prova di quanto possiamo essere orgogliosi della tradizione delle nostre scuole di recitazione. Insieme a loro, il regista, gli sceneggiatori, gli scenografi e tutti gli altri collaboratori meritano una nuova serie come riconoscimento della qualità del loro lavoro. Ma soprattutto la merita il pubblico, che ha dimostrato di riconoscere ed apprezzare i prodotti di qualità, quando gli si dà l'opportunità di poterli scegliere.

    RispondiElimina
  8. Da anni non guardo più la TV semplicemente perchè ho cominciato ad annoiarmi e a trovare più divertente smanettare al pc o seguire qualche blog in giro....Poi per caso ho seguito la prima puntata di Nardone a casa di mia mamma....E' stato appassionante, fresco, vivace, interpretato benissimo da tutti...mi son sentita trascinare dall'entusiasmo dei protagonisti..Da quella volta ho cercato di seguire tutte le puntate..dal pc ovviamente (non avendo pià la TV)...Mi son tenuta in serbo l'ultima...Magari un Nardone bis....Complimenti a tutti i ragazzi della squadra!!! Fra

    RispondiElimina
  9. Riporto qui il commento che Giorgia Surina (Eliana la moglie di Nardone) ha fatto sul suo account twitter in risposta a questo articolo e ai tanti commenti : @breakupressnews c'è un tempo per parlare e uno per ascoltare. Oggi mi coccolo nei vostri emozionati commenti e vi ringrazio per la passione.

    This is the reply to our tweet to Giorgia Surina (Eliana, Nardone's wife) after she read the article and all the comments: @breakupressnews there is a time for talking and one for listening. Today I'm excited to cuddle in your comments and thank you for the passion. (translation)

    RispondiElimina
  10. Riporto qui il commento di Nicola De Angelis, il produttore di Nardone, che sta scrivendo che stanno chiedendo in Rai per fare il sequel.
    "Nicola De Angelis · Monte Porzio Catone
    Hi Everybody this is producer of show speaking: Thanks thanks and again thanks for your huge support.
    We are working with RAI broadcaster to produce another season. Soon we will have a final decision from commissiong broadcaster.
    To enhance your support please use this link and ask for more Nardone http://www.contattalarai.rai.it/eservice_ita/start.swe?SWECmd=Start&SWEHo=www.contattalarai.rai.it

    We will keep you posted"

    RispondiElimina
  11. Avevamo scritto alla Rai per chiedere una seconda serie de Il Commissario Nardone. Ecco la loro risposta:

    Spett.le Break Up Press News,
    ci scusiamo per il ritardo, ma a causa di un guasto tecnico non e' stato possibile rispondere tempestivamente alla Sua email.
    La informiamo che terremo in considerazione la Sua proposta compatibilmente con le scelte editoriali dell'azienda.
    Le comunichiamo tuttavia che, pur tenendo conto dei vari gusti del pubblico, tali scelte non sempre riescono a soddisfare le diverse esigenze dei numerosi utenti che ci contattano.

    Grazie per averci contattato.
    Cordiali saluti.


    We wrote to Rai asking for a second season of Commissario Nardone. Here what they say:
    Dear Break Up Press News
    We apologize for the delay, but due to a technical fault we were not be able to promptly reply to your email.
    We inform you that we will consider your proposal consistent with the editorial decisions of the company.
    We inform you, however, that, even taking into consideration the different tastes of the public, these choices are not always able to meet the different needs of many users who contact us.

    Thank you for contacting us.
    Sincerely.

    RispondiElimina