martedì 15 gennaio 2013

Giampaolo Morelli: 7 ore per farlo innamorare





Giampaolo Morelli, volto noto delle fiction TV, molto conosciuto per essere l'imbranato Ispettore Coliandro, si cimenta in lezioni di PNL e Seduzione nel suo nuovo libro, di prossima uscita, intitolato "Sette ore per farti innamorare", edito da Piemme che potete acquistare in anteprima sul sito di Mondadori.

La trama : Paolo è giornalista di economia in un noto quotidiano di Napoli. Un ragazzo perbene, preciso, educato, serio sul lavoro. In carriera e amore il suo futuro pare luminoso, fino al giorno in cui sorprende la fidanzata a letto con il proprio capo. Non potendo sopportare l'onta, si licenzia, ma l'unico impiego che trova è nella redazione di "Macho Man", un settimanale di attualità per il pubblico maschile. Dopo una serie di interviste a estetisti, personal trainer, chirurghi estetici e coiffeur di grido, gli viene assegnato un pezzo sull'Artista del Rimorchio: come imparare a sedurre qualunque donna in sole sette ore. Con sua grande sorpresa, a tenere il corso è una donna, e Paolo, la cui vita sentimentale è a un punto morto, diventerà la sua cavia. Una commedia leggera, frizzante e ironica sull'arte della seduzione. Ma anche sulle seconde chance e il vero amore.

Sulla sua pagina ufficiale di Facebook, Giampaolo ha invitato il suo pubblico a cercare modi divertenti per sedurre il ragazzo del cuore, e lo ha fatto con video esplicativi di suggerimento, usando una "cavia" di nome Giuseppe, un ragazzo timido e riservato, spronandolo a "attaccare bottone" usando ingegno e creatività. Nulla ci sarebbe di male, se non una certa volgarità dell'attore nel poi esprimersi con battutine di indubbio gusto come "A me bastano 7 secondi per toccarvi le tette", denotando un certo machismo e maschilismo di fondo che abbiamo già visto in alcuni approcci dell' Ispettore Coliandro, una frase per tutte "Scopabile".


Non che la mia voglia essere una critica feroce, molte fan magari non saranno della mia opinione, ma temo che sia pretestuoso da parte di Giampaolo Morelli volersi identificare nel Maestro di Seduzione come tanti si propinano su internet e nei vari libri di pseudo psicologia che si trovano nelle librerie. Che la Seduzione sia un  mistero per molti, si sa, ma che si consiglino tecniche e suggerimenti lo trovo banale. Sedurre significa "portare a sè" e questo può succedere solo attraverso la propria autostima, riconoscendo i propri meriti e quindi lavorando su se stessi, e poi con l'esperienza. Usare tecniche spiritose per poi rivelare una persona senza valori può andare bene per una sera, e quindi mi auguro solo che le intenzioni del libro siano migliori, e che abbiano come meta la conoscenza dell'altro, aumentando i reciproci interessi, per ottenere l'obiettivo di far innamorare, ma poi di consolidare un rapporto, e non di cuccare tanto per fare, e mettere tacche al bordo del letto. Immagino che l'idea fulminante Giampaolo l'abbia avuta qualche anno fa, in occasione dell'intervista che fece a Men's Health, in cui mi rimase impressa la sua convinzione che le donne debbano stare ai fornelli, e fare l'uncinetto, o per meglio dire, che le donne debbano ritornare alle tradizioni e gli uomini, pure. Purtroppo, dico, una convinzione arretrata della donna moderna, che invece lavora, e che nutre altre ambizioni a quelle di stirare calzini e cucinare arrosti e lasagne. Dall'altra temo che sia un libro sulla "rivincita del Nerd", che sarebbe ancor più triste. 

Donna Moderna ha aperto pertanto un concorso, in cui si vince un aperitivo con l'attore, e altre dieci fortunate invece avranno in regalo l'atteso libro. Già molte si sono dilettate in frasi, alcune citazioni, idee e suggerimenti.

Nonostante io non sia molto d'accordo con tutta l'operazione, (avrei sperato in qualcosa di più innovativo e geniale da parte sua), gli auguro che il libro venda e che sia un successo. Come ho notato da un pò di tempo a questa parte, vanno di moda i romanzi sul genere, e quindi spero che anche Giampaolo possa trovare soddisfazione in quello che crede.

Clara Bartoletti