lunedì 17 marzo 2014

Un medico in famiglia 9: la recensione della nostra Nicla.




Domenica 16 marzo le porte della casa piu' movimentata d' Italia,si sono riaperte.
Parliamo di Villa Martini, complesso residenziale di Poggiofiorito....dipartite (Lele, Annuccia, Melina per citarne qualcuna) e New Entry, nel cast di "Un medico in famiglia nove", tornano ad appassionare i telespettatori, gli afecionados di questa sagra famigliare. Tra le new entry, in primis, quella di Lorenzo Martini (Flavio Parenti, protagonista di Un Matrimonio di Pupi Avati), medico, nipote di nonno Libero, tornato dall'America e di Sara Levi (Valentina Corti), sorella di Marco Levi, campionessa di nuoto, le cui vicende si intrecceranno a partire da un incontro casuale e maldestro in aereo, nel viaggio di ritorno per Roma.


Figura costante, rassicurante per i telespettatori e' quella del capostipite, nonno Libero, un amatissimo Lino Banfi alle prese con questa famiglia allargata con tutte le implicazioni e complicazioni derivanti. Ma lui e' un tipo che non si perde d'animo: al massimo volerà un"Madonna del Gargano" ,che in questa serie andrà a sostituire la tanto famosa e da lui citata Madonna dell' Incoroneta ( rif. Santuario dell'Incoronata in provincia di Foggia, terra natia dell' attore)...e i riferimenti alla sua terra d' origine non sono pochi! 

Suo nipote Lorenzo,nella fiction, ha origini pugliesi, e cosi' anche la sua ex moglie, Veronica, interpretata dalla bellissima Claudia Vismara. Ci si chiede cosa faccia di questa fiction, un successo,vista la nona edizione e a parte la simpatia dei personaggi, sicuramente l'attualità delle tematiche sociali affrontate sempre con molto garbo e delicatezza. In Villa Martini c'e' sempre una camera e un posto a tavola per un ospite, anche se questo proviene da una situazione disagiata (vedasi la storia di Giada, bambina profuga, costretta a rubare per sopravvivere); e i Martini sanno essere molto ospitali,aiutare e accogliere il prossimo senza pregiudizi.



Un altro tema presente in questa edizione e' quello dei divorzi e dei figli in affido: Lorenzo Martini, trasferendosi a Roma, si trova a gestire il suo rapporto complicato con un figlio adolescenziale e con la sua ex moglie, che ama, ma che ormai ha una nuova vita sentimentale....e siamo sicuri che troverà garbatamente il modo per restare comunque accanto alla sua famiglia. Se non e' questo un monito e un esempio per la società odierna, travagliata dagli incomprensioni famigliari che spesso sfociano in tragedie come da cronaca nera?

Ne sara' felice Papa Bergoglio di questo messaggio, fan e sostenitore di questa fiction e da buona pugliese, avverto un po' la nostalgia dei teatrini in pugliese tra Cettina e nonno Libero, ma questa e' un'opinione personale.


Alla prossima domenica.

Nicla Mastropasqua