martedì 8 aprile 2014

Una coppia modello: semplici regole per vivere meglio.





                                                     Chiara Ricci e Daniele Pecci

Ieri sera è andato in onda il secondo film per il ciclo "Purché finisca bene" prodotta da Pepito Produzioni di Roma. Nel cast quattro attori molto amati dal pubblico televisivo, Sergio Assisi, Bianca Guaccero, Chiara Ricci e Daniele Pecci.

Il tema affrontato è stato la separazione coniugale, e quel che comporta. Oltre infatti alla non comunicabilità tra le coppie, ci sono i problemi legati al proprio futuro: la ricerca di un alloggio, i figli allo sbando, una suocera invadente, e la precarietà dello stipendio.

Il fulcro esplosivo della storia è Sergio Assisi, Adriano, un gagà affascinante e poco affidabile che vistosi rimasto senza casa e senza stipendio dovuto alla separazione dalla bellissima ed agguerrita Bianca Guaccero, si intrufola senza troppe riserve in casa dello sfigato paleontologo Daniele Pecci, il quale si sta separando anche lui dal medico impietoso Chiara Ricci. Il quartetto, in pratica, si scambia, nel vano tentativo di riconciliarsi, ed invece l'escamotage serve solo a far capire che Sergio non è adatto per nessun tipo di vincolo, e che invece la coppia modello è quella di Chiara e Daniele. 


                                                     Sergio Assisi e Bianca Guaccero

Ad animare la storia, la ficcanaso Simona Marchini, esperta di "dietrologia", e che immagina storie assurde e strampalate sul figlio Daniele, credendolo gay ed innamorato di Sergio. L'attempata signora, armata di chiavi di casa e cagnolino, alla fine verrà ufficialmente fermata dalla possibilità di entrare in casa e invadere gli spazi senza rispetto altrui. Daniele, conquistato dalle pratiche seduttive del bontempone Sergio, imparerà due semplici regolette per conquistare una donna: non spaventarti e non spaventarla. Saggezza che trasmetterà all'inquieto figlio che si trova alle prese con le prime adolescenziali fasi dell'innamoramento, interpretato dal giovanissimo Riccardo Alemanni.

Fra matriciane mantecate e colazioni abbondanti, fra baci appassionati e rose distribuite a camionate, il finale non è scontato, e lascia libera Bianca di cercarsi un tenerone, e a Sergio di rimontare su auto fiammanti guidate da donne procaci, mentre l'amore, quello vero, si riscopre in casa del buffo ricercatore di mummie e della sua algida dottoressa esperta in malattie del fumo.

Storia leggera, con tanta comicità e dialoghi mai banali, si riconferma che la scelta della commedia all'italiana è quella che il pubblico ama. 

Tutto è bene quel che finisce bene, e noi aspettiamo il terzo film, convinti che anche questo ci farà sorridere ma anche riflettere.

Terzo appuntamento con Un marito di troppo, lunedì 14 aprile ore 21.15 Rai Uno.



C.B.