mercoledì 23 aprile 2014

Una villa per due, visto da noi



Quarto appuntamento del ciclo Purché finisca bene Una villa per due, regia di Fabrizio Costa, andato in onda ieri 21/ 04, vede la coppia Marcore' / Morelli gia' collaudata nella fiction Una ferrari per due, alle prese con la burocrazia e la corruzione nell'ambito degli appalti e permessi edilizi. 
Neri Marcore' questa volta e' l' avvocato Daniele Cavicchioli, un uomo, pardon, un bamboccione mammone, fobico e ipocondriaco che divide lo stesso tetto con maman (splendidamente interpretata da Giuliana Lojudice) e l'eterna fidanzata Graziella (Selvaggia Quattrini), figlia del titolare dello studio legale presso cui lavora. Cavicchioli vive in questo limbo affettivo, senza impegni, non si sposa, non fa' figli perché sono impegnativi, preferisce adottare canarini. Il suocero lo ricatta, indirettamente, con lo storia dello studio associato, affinché si sbrighi a mollare maman e a sposare la sua figliola. 
La convivenza tra suocera e nuora e' esasperata le due,maman vulcanica, frizzante, amante della musica latino americana a tutto volume (approfittando della sua sordita') e nuora non si sopportano come da copione, per cui l' avvocato Cavicchioli decide di acquistare per maman la villa in costruzione ad Arco, dall' imprenditore Francesco Ferrandini (Giampaolo Morelli). E' previsto un termine di scadenza per i lavori, sei mesi, che nn verra' mai osservato. Ferrandini e' sempre in bolletta, in ritardo con i pagamenti ai fornitori, i ritardi burocratici e gli adeguamenti tecnici richiesti dal comune non gli consentono di ricevere aiuto dalle banche e lui si ritrova esposto a decreti ingiuntivi e a sequestri dei beni. Tutta colpa dell'assessore Marisa Collodi (Donatella Finocchiaro), vecchia amica e fiamma dell'avvocato Cavicchioli, che pilotata dal suo amante, un falso ingegnere corrotto che ha posato gli occhi sul terreno di Ferrandini, creera' intralci e ritardi. Tra scenari mozzafiato, piccoli contrattempi, parola di rito nella fiction, menzogne, mobilia di valore, i Luigi xv di maman, e tigli che vengono spostati e poi ricollocati, decreti ingiuntivi, malori, simulazioni, imbrogli, la storia si evolvera' in un lieto fine. Marisa capisce la malafede del suo amante e dara' il nulla osta a Ferrandini a procedere con i lavori., Ferrandini potra' cosi risolvere i suoi problemi economici e la villa verra' consegnata ai Cavicchioli. 
Come per osmosi, anche l' avvocato Cavicchioli trae beneficio.dall' incontro con Ferrandini. Si libera di suocero e fidanzata, si affranca da fobie e da maman e si rinnamora di marisa, l'amica dalle tette grosse che in passato lo considerava brutto e mammone, ma come dice Ferrandini, la vita va presa a cucchiaini di caffe', poco per volta e...Purché finisca bene!

Prossimo appuntamento, La tempesta, 28 aprile su Rai 1.


n.m