domenica 26 ottobre 2014

Comunicato stampa di Massimo Monaci in risposta alla conferenza stampa dei due terzi della Eliseo Immobiliare e del Sig. Barbareschi‏



Aggiornamento:
Le informazioni rilasciate oggi alla trasmissione "Domenica In" dal Sig. Luca Barbareschi intorno alle ore 18,00, nelle quali dichiara l'acquisto della gestione e dell'immobile del Teatro Eliseo, sono destituite di ogni fondamento.

Ci riserviamo di agire a tutela dei nostri diritti ed interessi in ogni sede legale.
La Direzione del Teatro Eliseo


Comumicato stampa del 25 ottobre 2014

In merito alle notizie uscite oggi, all’esito della conferenza stampa dei due terzi della Eliseo Immobiliare e del Sig. Barbareschi tenutasi all’Hotel D'Inghilterra, occorre precisare che:

- A oggi non esiste un accordo con Luca Barbareschi né per la cessione delle quote né per la gestione del teatro. Esistono tre proposte, formalizzate da Francesco Bellomo, da Goldenstar AM srl e da Casanova Spa che devono essere valutate dall’assemblea dei soci di Eliseo Immobiliare, che per prendere decisioni necessita della maggioranza dei quattro quinti delle quote (che sono suddivise tra i tre soci sostanzialmente paritetici) che non è stata mai convocata, nonostante le numerose richieste di convocazione formalizzate dallo scorso febbraio a oggi; le proposte devono rispettare 4 condizioni fondamentali (concordate il 13 ottobre tra le parti in sede prefettizia):o La tutela di tutti i lavoratori del teatro

o La garanzia della prosecuzione della stagione in corso senza ulteriori intralci nell’interesse degli abbonati, degli artisti, dei tecnici, delle compagnia e di tutti coloro che lavorano intorno al Teatro Eliseo

o Il mantenimento del contributo FUS che, data la situazione grave generata dallo sfratto, non è ancora stato assegnato

o Il rilascio dei locali “senza strappi”

-Le affermazioni di Carlo Eleuteri non corrispondono al vero in quanto lo sfratto è stato intimato quando il debito era ben inferiore al milione di Euro e in una situazione in cui si era proposto un accordo per il risarcimento del debito contratto a causa della grave crisi che aveva investito il teatro e di cui si è diffusamente parlato in tutte le sedi. Peraltro lo sfratto, atto gravissimo, fu intimato senza neanche informare il socio Vincenzo Monaci e l’Assemblea dei Soci e proditoriamente convalidato malgrado una nostra proposta di accordo di rientro e il versamento di circa il 50% del debito allora maturato.

La grave situazione attuale è stata generata da un continuo rimandare e alzare l’asticella delle richieste da parte di due terzi della Eliseo Immobiliare, cosa che ha provocato danni alla stagione e all’immagine del teatro. Un accordo si sarebbe potuto trovare già da molti mesi.

Prendiamo atto della proposta di Luca Barbareschi senza preclusioni e si prevede un incontro quanto prima, ma non si capisce il presupposto della conferenza stampa di oggi dato che un accordo, allo stato attuale, non c’è. D’altronde, se un accordo si fosse realmente trovato, forse la conferenza stampa di oggi si sarebbe svolta al Teatro Eliseo.




Massimo Monaci,




Direttore artistico Teatro Eliseo